copertina

Blu giaguaro

Cabilaedizioni.it
(deutsch)

Marco Ventura, ex professore di liceo, si è trasferito in Sud America dopo il secondo conflitto mondiale per raggiungere un suo amico brasiliano, il Capitano Bolcao, conosciuto durante la guerra di liberazione combattuta sull’Appennino Parmense.

Un senso di perenne insoddisfazione e l’insofferenza per la vita civile lo hanno portato a vivere nella giungla del Paraguay presso una tribù Maká. Qui lo raggiunge (siamo nel ’54) l’amico Nanni Mariani, dell’ambasciata italiana di Asunción, per chiedergli di aiutarlo a ritrovare un collega sparito nelle tenute di un certo Sammartine mentre indagava sulla presenza in quei luoghi di braccianti italiani costretti a lavorare in una condizione molto vicina a quella della schiavitù. Ventura accetta di partire alla ricerca dell’amico scomparso anche perché questo gli consente di indagare pure sulla scomparsa di alcuni giovani indios della sua tribù. Assistiamo così a due indagini parallele, seguendo il doppio binario di una inchiesta e di una strategia razionali, occidentali, e di una ricerca intuitiva, magica e visionaria degli indios (aiutati in questo dallo sciamano Oberá e dai suoi “alleati” vegetali, gli allucinogeni che consentono di vedere cosa si nasconde dietro certe maschere).

Per Ventura si tratta di un viaggio iniziatico che si sovrappone ad una ricerca interiore, consentendogli di rileggere in una nuova luce e di rielaborare la massa di ricordi di guerra che lo risucchiano ancorandolo al passato. L’avventuroso tentativo di liberare i braccianti italiani consente al protagonista di uscire dal limbo di un monologo interiore che lo fa girare a vuoto. Il suo rovello profondo, che si mescola con i fantasmi letterari di una vita passata sui libri, si riverbera sui fatti esterni, sugli eventi vissuti con gli altri e gli fa ritrovare le ragioni di un suo schieramento. Quando poi tutto finisce in un bagno di sangue, Ventura vede venire a galla tutta la violenza repressa che lo ha “avvelenato” negli ultimi anni. E così, al fondo di un percorso di conoscenza mentre viene risolto il mistero degli uomini scomparsi e si trova una spiegazione alla strana morte dell’amico la cui ricerca ha innescato la miccia di tutta la storia le battaglie del passato consentono di capire le contraddizioni del presente e queste ultime portano alla luce il dramma segreto che si è voluto dimenticare e il senso di colpa ad esso collegato.



indietro